FOTOGRAFIA AL FEMMINILE – Vanessa Beecroft – di Edy Rulli

wp_20161123_12_46_08_pro

I modi di fare arte sono infiniti e le capacità di percepirla come tale risiede in ciascuno di noi, spesso è soggettiva, spesso fa discutere, specie se trattasi di arte moderna…Vanessa Beecroft americana, vive a Los Angeles ed è nota per la sua critica sociale e provocatoria; usa un metodo nn convenzionale nel suo approccio con la fotografia sia quando crea l immagine che quando l osserva. Nel suo percorso alla ricerca d identità della donna, fa qualcosa di rivoluzionario, vede il suo mondo attraverso occhi femminili ripulito da quel voyeurismo maschile a cui le spettatrici si erano da tempo adeguate. Il corpo femminile come arte pura e nn visto come quel “prodotto” determinato dalla eccessiva esposizione mediatica che lo ha etichettato come un consumo rapido che si dissolve in un flusso incessante di informazione visiva ad opera dei media. Vanessa, femminista contemporanea, si sofferma invece a riflettere e fa riflettere dedicando le sue performance allo sguardo e corpo femminili, il desiderio e l alienazione, e trasforma in icona, con il mezzo della fotografia, quello che da sempre è un mero “oggetto del desiderio” da parte degli uomini. Gli appartamenti del Principe di Palazzo Reale hanno ospitato la mostra dal 24 al 29 novembre 2016 nell  ambito della prima edizione di Photo Vogue Festival che diventerà un importante appuntamento annuale perché cosa sarebbe la moda senza fotografia? Le stesse sale che hanno visto le opere classiche dei maestri come Escher e Rubens, hanno aperto le porte a questa paladina dell arte contemporanea al femminile, nn l unica in verità, ma ben ne vengano altre, e tra preziosi arazzi di epoche lontane nn guastano blow-ups di artisti più o meno direttamente impegnati con il loro lavoro nella causa femminista.

La macchina fotografica è uno strumento semplice, anche il più stupido può usarla, la sfida consiste nel creare attraverso di essa quella combinazione tra verità e bellezza chiamata arte. E’ una ricerca soprattutto spirituale. Cerco verità e bellezza nella trasparenza d’una foglia d’autunno, nella forma perfetta di una chiocciola sulla spiaggia, nella curva d’una schiena femminile, nella consistenza d’un vecchio tronco d’albero e anche in altre sfuggenti forme della realtà. Andrea Di Tella.

wp_20161123_12_47_16_pro

Questa voce è stata pubblicata in mostre a Milano e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...