VACCINO SI’, VACCINO NO di Edy Rulli

wp_20161109_17_36_10_pro602

Le vaccinazioni hanno cambiato la storia dell umanità, ma questo dato di fatto perde di giorno in giorno rilevanza e nel nostro paese, l unico in cui vige l obbligo per legge, la copertura vaccinale è scesa sotto la soglia di sicurezza per diverse malattie. Scelta questa condizionata dalla diffusione di voci incontrollate su presunti legami con l insorgenza di alcune gravi malattie come l autismo, la malattia celiaca o il lupus. Chi a titolo personale sostiene la propria contrarietà ai vaccini dovrebbe motivarla con dati oggettivi invece continua ad acquisire, poco obiettivamente, informazioni atte a rinforzare l opinione di cui è convinto. Fonte principale di disinformazione è il WEB e per molti anche inattendibile. Si ricorre alla medicina FAI DA TE dalla rete per ovvi problemi di conoscenza dato che le masse hanno ereditato una cultura che nn incorpora la scienza. L informazione tout court dei media, quando nn è mera mistificazione, entra in concorrenza con la scienza ufficiale generando l anti-scientificità proprio per mancanza di elementari nozioni di medicina di gran parte degli utenti mediatici.

I vaccini sono sicuri e per monitorare il rapporto beneficio/rischio sono costantemente sorvegliati fornendo dati quali segnalazioni spontanee, studi osservazionali, letteratura, con l attivazione di un sistema di vaccino-sorveglianza. I vaccini nn utilizzati vengono distrutti; provenendo da processi biologici, il suo ciclo di produzione può durare quasi due anni e richiedere numerosi controlli: verifica sterilità e qualità che rappresentano il 70% del tempo totale di produzione. Al termine di tali controlli l Istituto Superiore di Sanità rilascia per ciascun lotto un certificato europeo valido in tutti i paesi UE. Tra le accuse più frequenti rivolto ai vaccini è il contenuto di mercurio, ma nn a tutti è noto che l uso di questa sostanza è al bando dal 2002. In quanto al contenuto di alluminio è di molto più basso di quello che assumiamo tramite le pentole da cucina. La somministrazione di tanti vaccini insieme nn è dannosa per l organismo che è in grado di ricevere fino a 10.000 dosi contemporanee. In passato contenevano fino a 3.000 antigeni, oggi la metà che immunizzano contro 14 malattie.

I rischi rispetto i vantaggi sono minimi, ma è così in ogni campo, nn solo quello della medicina, la perfezione nn è di questo mondo. In merito all autismo, oggi è possibile diagnosticare l insorgere della malattia nel bambino già all età di un anno e mezzo. Nn esiste una casistica che ne accerti l aumento anche perché in passato veniva confusa con altre malattie. Tuttavia tutta la letteratura contestuale si è colorita di giallo per almeno due casi noti, uno accaduto in Inghilterra ai danni di un medico espulso dall ordine per aver condotto studi “fraudolenti” contro i vaccini; un secondo, la morte sospetta di un medico americano che, come il suo collega inglese, aveva condotto studi nello stesso campo ritenuto a rischio forse per il conflitto di interessi delle case farmaceutiche produttrici. (ved.link)

LINK CORRELATO: http://www.dionidream.com/trovato-morto-misteriosamente-il-dottore-anti-vaccini/

http://www.jedanews.it/blog/cronaca/informatore-cdc-frode-autismo-vaccino/

http://www.msn.com/it-it/notizie/italia/treviso-l%E2%80%99ordine-dei-mediciradia-il-paladino-anti-vaccini%C3%A8-il-primo-caso-in-italia/ar-BBA8Fb6?li=AA54uE&ocid=spartandhp

Per quanto riguarda il cancro del collo dell utero HPV che si sviluppa nella sfera genitale sia femminile che maschile, è consigliabile la vaccinazione a 12 anni per le bambine, a 11 per i maschi, ma anche nelle coppie adulte. L abolizione del servizio di leva che prevedeva dei controlli nel maschio causa del contagio e l analfabetismo medico della società italiana contribuiscono alla diffusione di questa malattia che per fortuna oggi è facile prevenire e ad un costo minimo. Di grande aiuto potrebbe essere l educazione sessuale in ambito familiare dei giovani, i genitori dovrebbero dovrebbero parlare di sesso ai figli, ma qui sono dolenti note, meglio passare la palla agli specialisti!

I vaccini hanno diversi valori intrinseci tra cui: contribuiscono alla sostenibilità della spesa sanitaria pubblica, meno ricoveri, meno cure mediche, epidemie, assenze dal lavoro ecc. Dati pubblicati dalla rivista Health Affairs indicano che per ogni dollaro speso in vaccini se ne risparmiano 16; considerando anche il valore della vita più lunga e in salute, il risparmio sale a 44 $.

Questa voce è stata pubblicata in scienza e salute pubblica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...