L’ISOLA DEI CRUDISTI di Edy Rulli

L’assunzione di cibi crudi come trattamento dietetico è nato in Svizzera con Maximilian Bircher-Benner, medico che nel 1987 ha fondato un centro di cura, ancora attivo, incentrato su una dieta a base di vegetali crudi. Il crudismo, anche conosciuto come raw food, rientra nella più ampia corrente dell’igienismo naturale, che promuove uno stile di vita e un’alimentazione sani e naturali.

Sulla passerella di Olioofficina 2016 sfilano cibi rigorosamente nudi e crudi che più crudi non si può. RAW FOOD condito solo con olio extra vergine d olive ci accompagna nella ricerca dell essenziale nell alimentazione moderna.

IMG_20160122_141929IMG_20160122_131801

Crudo di gambero rosso con mozzarella di bufala, melissa, pomodorini del Vesuvio, sale di Mandon (quello granuloso). Condito con olio extra vergine fresco, fruttato e molto profumato.

IMG_20160122_134509

Tartar di avogado e mango, pomodorini Pachino. Condito con olio extra vergine fresco.

IMG_20160122_133108

Pinzimonio di frutta e verdura. Condito con extra vergine biologico.

IMG_20160122_140939

Lasagna cruda di carasau, pomodoro, carasau, sedano, carciofo, arancia, capperi, olive nere, finocchio. Condito con extra vergine non filtrato.

IMG_20160122_141905

Tartar di manzo, carciofi, finocchi, puntarelle,tabasco, insalata verde, salsa Worchcestershire, mayonese. Condito con extra vergine 100% italiano.

Tutti gli ingredienti delle ricette sono rigorosamente crudi.

Stessi criteri nella scelta di un vino che accompagni adeguatamente una pietanza valgono anche per l olio. Mai coprire il sapore delicato del pesce e delle verdure con oli forti, ma sceglierli  freschi, per es. olive raccolte precocemente in ottobre quando il frutto è ancora verde; invecchiando scurisce e l olio perde un po’ del suo sapore amarognolo conseguente alla perdita di polifenoli. Chi cerca negli scaffali dei supermercati l olio extra vergine di prima spremitura deve mettersi il cuore in pace essendo ormai una rarità. Particolarmente pregiato perché ricavato dalla sola oliva, senza noccioli e fogliame, è prodotto solo a livello artigianale quindi nn in quantità industriali. La lavorazione a freddo (max 27°C) rispetto quella a caldo nn deve rappresentare titolo preferenziale poiché le proprietà organolettiche dell olio extra vergine, tutti buoni, nn vengono minimamente intaccate, stesse proprietà salutari, solo può variare la presenza di polifenoli che ne modifica lievemente il sapore e l aroma. Per essere considerato un olio extra vergine di olive deve essere privo di sansa (utilizzato per fare altri oli), l acidità deve essere inferiore a 1 gr., numero dei perossidi inferiore a 20 e polifenoli (indicativamente perché la Coratina pugliese e oli del teramano possono contenerne anche il doppio), da 170 a 200. Questa composizione permette all olio di conservarsi nel tempo preservandolo dalla naturale ossidazione.

Caratteristiche dell olio di alta qualità tali da:

-1) Prevenire la formazione di radicali liberi. 2) limitare la perdita di calcio osseo. 3) fornire protezione alle mucose dello stomaco e dell intestino. 4) aiutare il fegato nella produzione della bile. 5) avere effetti benefici sulla cistifellea e sul pancreas. 6) avere un efficace azione protettiva sia verso la gastrite che l ulcera gastrica. 7) agire positivamente nelle malattie delle vie biliari. 8) nn intasare le arterie (eccesso di colesterolo cattivo nel sangue, solo l LDL ossidato è nocivo), 9) permettere il più elevato assorbimento di vitamine, 10) essere particolarmente adatto nell alimentazione dell infanzia per la sua composizione acidica. 11) sopportare bene le fritture in quanto la sua temperatura critica – quella della deformazione molecolare – è di ca. 210°-220°. Gli oli vegetali “generici” vanno incontro alla formazione di perossidi e polifenoli che possono provocare lesioni al fegato, ai reni, allo stomaco e apparato cardiovascolare.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in alimentazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’ISOLA DEI CRUDISTI di Edy Rulli

  1. Pingback: OLIOOFFICINA FESTIVAL 2017 -Oil and food – di Edy Rulli | commonspeeches

  2. Pingback: SALON DU CHOCOLAT febbraio 2017 di Edy Rulli | commonspeeches

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...