PEASANT DA VINCIS – Mostra a Milano – di Edy Rulli

Con lo slogan “peasants making a better city, a better life”, è decollata la mostra dell artista cinese Cai Guo-Qiang dedicata al “peasant” Da Vincis, aperta al pubblico fino al 6 genn. 2016. Luogo più che appropriato è il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano nelle cui vicinanze abitò a lungo Leonardo, impegnato nella realizzazione del Cenacolo nella vicina chiesa S.M. delle Grazie. L artista ha collezionato opere più o meno incompiute di contadini cinesi privi di istruzione quindi incompetenti che si cimentavano nella costruzione di macchine per volare, dischi volanti, elicotteri, veicoli trifunzionali che potessero muoversi in terra, in acqua, in aria, locomotive, robots, molte delle quali rimasero dei prototipi, altre nn funzionarono mai e nn ebbero mai un collaudo. Al pari del maestro Leonardo appunto, a cui è dedicata la mostra. Contadini autodidatta un po’ visionari hanno reinterpretato le sue invenzioni spinti, come allora, dal desiderio di realizzare sogni per vincere la forza di gravità che ci incatena alla terra o semplicemente convinti che la fusione di artigianalità, creatività ed immaginazione possa dar voce all individualità e alle aspirazioni per una vita migliore. Già, una vita migliore. Molto/tutto è già stato inventato, ora ci serve solo “inventare” qualcosa da inventare. Mentre in passato la qualità della vita era quello che sappiamo quindi a motivare l uomo era la fame e un pizzico di disperazione, oggi disperati di tutto il mondo si muovono senza problemi, barriere logistiche abbattute, restano solo quelle ideologiche, religiose, linguistiche, ecc.,cosa nn da poco! Ecco, trovato cosa da inventarci: una macchina per il lavaggio del cervello dell intera umanità, senza troppi danni e conseguenze per chi deve continuare a condividere spazi e vita su questo pianeta sempre più affollato.
LINK CORRELATO da Repubblica del 9-9-2015:
Un omaggio al sogno, all’invenzione e alla creatività. Una collezione di oggetti realizzati da contadini cinesi, per lo più senza istruzione, che pur non conoscendo le leggi della fisica hanno costruito macchine per volare degne di Leonardo Da Vinci, a cui la mostra è dedicata. Marchingegni non sempre funzionanti – “ma cosa importa? Anche quelle di Leonardo non sempre lo erano” sorride Cai Guo-Qiang – , perché “quello che conta non è riuscire a volare”, come recita uno degli slogan di Peasant Da Vincis, l’esposizione apre al Museo della scienza e della tecnologia di Milano (fino al 6 gennaio) del pluripremiato Cai Guo-Qiang, artista cinese residente a New York. Il progetto, infatti, è una collezione di oggetti raccolti in giro per la Cina da Cai Guo-Qiang tra il 2004 e il 2010. “Ho iniziato quando ho incontrato Li Yuming e il suo Crepuscolo n° 1, un sottomarino a forma di pesce molto ben fatto. Mi ha colpito soprattutto il fatto che Li gli avesse dato la forma di un essere vivente, con pinne-ali che dovevano farlo entrare in acqua e sollevarlo in volo”. Da quel giorno ha percorso oltre 6000 chilometri, dragando nove province cinesi a caccia di altri inventori visionari come Li Yuming. Di grande impatto visivo l’installazione all’aperto dove spicca un’enorme portaerei in verticale che ricorda un razzo che sta per prendere il volo o “un obelisco in memoria di tutti coloro che hanno avuto un sogno “. Alta 24 metri, composta da 120 pannelli di lamiera, è stata assemblata sul posto da una squadra di operai specializzati imbragati come arrampicatori. Intorno, appese a una struttura a baldacchino, galleggiano in aria curiosi sottomarini, dischi volanti, elicotteri e macchine per il volo (Teresa Monestiroli)
IMG_20150909_190133IMG_20150909_190249IMG_20150909_190407IMG_20150909_190541IMG_20150909_193234IMG_20150909_193445IMG_20150909_193500
Questa voce è stata pubblicata in mostre a Milano e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a PEASANT DA VINCIS – Mostra a Milano – di Edy Rulli

  1. Pingback: Museo della Scienza e della Tecnica – eventi tecnico-scientifici – di Edy Rulli | commonspeeches

  2. Pingback: LA’ DOVE VOLANO LE AQUILE – Space Girls, Space Women – di Edy Rulli | commonspeeches

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...