LA STORIA INFINITA di Davide Baudille

Davide BaudilleIn questa storia tutti hanno torti e ragioni e questo è il primo grave problema ovvero quando non ci sono colpevoli acclarati e giusti assoluti. Tutto è iniziato per colpa di noi europei che invece che proseguire nell’opera di totale assimilamento e riconoscimento della miniranza religiosa ebraica in ciascun paese iniziata sul finire del xix secolo abbiamo scatenato tramite hitler e la germania un nuovo pogrom assoluto ovvero lo sterminio. Le basi teoriche e pseudo scentifiche su cui si è poggiata l’opera infame dei tedeschi e dei loro alleati le hanno fornite intellettuali o presunti tali di ogni nazione europea dall’inghilterra, alla francia alla stessa germania. Distrutto alle fondamenta il processo di integrazione ed assimilazione degli ebrei che ricordo non sono razza a se ma solo una minoranza religiosa dopo la guerra si è posto il problema di come sdebitarsi con i sopravvissuti che ormai si sentivano totalmente stranieri in casa propria. Riprese vita l’idea di fine ottocento e primi del novecento del sionismo un movimento che propugnava l’emigrazione in Palestina intesa come la terra promessa bibblica. Se questo movimento pur esistendo da oltre 50 anni prima della guerra non aveva avuto mai grande seguito popolare ne grandi appoggi politico-finanziari dalle varie comunità ebraiche e dai vari governi occidentali dopo la shoa si diffuse largamente fino ad essere visto da alcuni governi occidentali come la soluzione pacifica del problema ebraico e come un forma di sdebitamento politico. A quell’epoca il governo britannico vantava ancora un protettorato su tutta l’area e alla chetichella iniziò a consentire a flussi sempre più consistenti di coloni ebraici provenienti da tutto il mondo di trasferirsi in Palestina. Non fu mai appoggio e sostegno pieno ed ufficiale per non scontentare apertamente gli arabi li presenti fu piuttosto un lasciar fare voltando la testa dall’altra parte il tutto con l’appoggio finanziario della potente e numerosa comunità ebraica americana che pur non attratta in se dall’idea del sionismo decise di venire incontro ai propri confratelli usciti vivi dalla guerra per aiutarli a crearsi una loro casa in Israele. L’appoggio segreto ed informale della potenza regionale l’Inghilterra e quello finanziario degli USA sostennero il progetto sionista permettendo ad un numero sempre crescente di ebrei di tutto il mondo di entrare in Palestina acquistare le terre da proprietari palestinesi ignari per lo più del progetto globale che covava sotto le ceneri e cioè la fondazione di un nuovo stato di Israele. Quando tra gli arabi si iniziò a diffondere la paura ed il fastidio ed a comprendere il rischio per il progetto finale iniziarono i contrasti tra le due comunità. Solo che i Palestinesi a differenza dei coloni ebrei non potevano contare su vaste e consolidate alleanze internazionali gli altri paesi arabi infatti erano per lo più concentrati su se stessi essendo di recente formazione.
Invece gli ebrei pur se minori come numero erano più pronti e preparati e godevano di finanziamenti per acquistare armamenti con il beneplacido silenzioso dei britannici. Solo sul finire del loro protettorato gli inglesi tentarono di arginare e regolare da un lato i flussi migratori dall’altro l’acquisto di armi anche pesanti da parte ebraica ma ormai con scarsi risultati perché in occidente c’era chi lavorava alacremente per questi ultimi. Quando alla fine i britannici se ne andarono un secondo dopo scoppiò l’inevitabile guerra tra ebrei e palestinrsi per accaparrarsi le migliori posizioni in vista di un successivo cessate il fuoco e gli ebrei più uniti, preparati pronti e in parte meglio armati ebbero la meglio sulla maggioranza palestinese vincendo la prima delle loro guerre per la sopravvivenza e per non essere ributtati a mare. Cosi nacque il problena ebraico che ci portiamo tutti dietro da oltre 50 anni

Questa voce è stata pubblicata in guerra israel.-palestinese. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...