LA GRANDE ILLUSIONE di Fabrizio Boschi. Matteo Renzi 2004-2014 dalla provincia di Firenze a Palazzo Chigi, 10 anni di giochi di prestigio. Edy Rulli

Immagine

Ospite Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale presso Milan Art Gallery di via Alessi a MIlano.

Fabrizio  Boschi, concittadino di Renzi che conosce bene, in questo libro ne parla con cognizione di causa e percorre un itineraio nel tentativo di decifrare come è nata la stella Renzi nel firmamento della politica italiana. Tutto si può dire di Berlusconi, ma nn mettere in dubbio le sue doti di talent scout e in lui aveva individuato le caratteristiche di persona capace e all altezza della situazione, quindi nato sotto una buona stella.

Nella sua facile ascesa Renzi, prima come segretario del PD, poi Premier, quindi vincitore delle europee con il 40% delle preferenze che, considerato l astensionismo, rappresenta solo il 20% dell elettorato, fa registrare un primato che è questo. Se prima parlar bene di Berlusconi era servilismo, ora parlar bene di Renzi genera addirittura un neologismo “Renzologo”o “Renzologia”, fenomeno questo che porta diritto all immortalità. O almeno, dimostra che il vento tira a favore dei suoi voli pindarici nello scenario della politica italiana. Questo e altro si fa per arginare l ondata di antipolitica generata da Grillo. Gli italiani di scoprono accomodanti e del resto tra le mire di Renzi, ancora poco palese, è diventare leader dei moderati; cosa si può desiderare di più per il nostro paese in agonia? Un sodalizio perfetto grazie al quale  il pifferaio magico trascinerà schiere di italiani in quale lago lo sapremo presto: Al termine del semestre europeo per esempio, che sarà decisivo se si riuscirà, con l ennesimo giochetto di prestigio, a convincere i nostri interlocutori ad un auspicato quanto necessario minor rigore.

Prendere le redini del PD anche se considerato un partito di “sfigati”, accedere alla presidenza del Consiglio quindi alle europee, nn è un operazione soft visto l attaccamento alle poltrone dei predecessori, richiede determinazione, cinismo  senza pietà alcuna, tutte doti queste  presenti nel personaggio Renzi anche se suscita simpatia e fiducia. Ma la partita delle promesse fatte è ancora tutta da giocare, il tempo stringe e milioni di italiani lo attendono al varco.

Edy Rulli

Immagine

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a LA GRANDE ILLUSIONE di Fabrizio Boschi. Matteo Renzi 2004-2014 dalla provincia di Firenze a Palazzo Chigi, 10 anni di giochi di prestigio. Edy Rulli

  1. edyrulli ha detto:

    Franco Montorsi Edy passi da sinistra a destra e vicersa con disinvoltura ah! ah! Battute a parte, intanto le ditte e negozi chiudono, i disoccupati e il deito pubblico aumenta, 15 € al gg ai nostri anziani , 40 € ai clandestini, si va sempre a fare da “tappetino” alla Merkel , gli enti inutili e la burocrazia sono sempre li a “succhisre” etc..
    Edy Rulli Hai ragione Franco, così può sembrare, ma nn è così, dimentichi che quello che scrivo è in chiave giornalistica, nn è mai la mia opinione, ma quella che registro. Magari sono una inviata “molto speciale” piuttosto improvvisata dato che lo faccio per hobby. In merito alla presentazione di questo libro è stato ribadito che è diventato difficile identificare la destra dalla sinistra specie se si tratta di Renzi che ha confuso le idee a tutti. Dei personaggi presenti ho ammirato lo spirito, il sottile sarcasmo, la battuta pronta e capacità di improvvisare e commentare in diretta come in pochi sanno fare. In questo caso la politica ha fatto un bel spettacolo, come raramente accade nella realtà.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...