QUANDO LE BONIFICHE SONO INDIGESTE – “CAMPIONATURE FANTASMA” di Luigi Caroli CdZ 8

Cari amici,
allego il mio intervento di ieri nella Commissione Verde e Ambiente del Consiglio di Zona 8 convocata per illustrare – anche ai cittadini che si oppongono all’opera – i risultati dei campionamenti di M.M. relativi alla via d’acqua. Seguirà un interessante P.S.
QUEST’OPERA NON S’HA DA FARE.
Ma è prevista da EXPO! E allora? Come riporta oggi il Sole 24 Ore (pag.37) ci sono altre ben più importanti opere che erano previste e sono invece state rimandate o annullate. Venerdì sera sono stato a Paderno Dugnano. Una folta schiera di cittadini super incazzati sta lottando contro la Rho-Monza un’opera di Serravalle – società in condizioni economiche comatose. Un’autostrada a 14 corsie che troncherebbe in due la cittadina. Serravalle sostiene che – lavorando giorno e notte – la farebbe in tredici mesi.
14 corsie autostradali in città le ho viste a Los Angeles. Allo stesso modo Eritrea –Stephenson sta segando in due- a mezzo di M.M.- Quarto Oggiaro squarciandola orribilmente. Il cartello con i dati dell’opera è introvabile (da via Aldini l’hanno tolto). Come la “via d’acqua” le due opere servono solo a riempire le tasche di un paio di dozzine di persone (perlopiù arricchitesi in passato con i lavori pubblici). Che la “via d’acqua” sia inutile lo dimostra chi riferisce come le torri di CASCINA MERLATA (una dovrà ospitare gli addetti ad EXPO) galleggino letteralmente sopra l’acqua. I box sono già allagati. Ne fa fede il cittadino di QUINTO che mi ha detto che per bagnare il suo orto – con trenta litri al secondo – basta una pompetta a 12 volt e un consumo di pochi watt. Pescando dal terreno ricco d’acqua di Cascina Merlata, per riempire il laghetto EXPO, basterebbero una trentina di volenterosi vecchietti dotati di pompe a mano o una sola pompa da 7 cavalli!
Finito EXPO pompe e vecchietti verrebbero pensionati con Ambrogino d’Oro.
Oggi Sole 24 Ore e altri giornali evidenziano uno dei più grossi problemi italiani. La “corruzione”. Ci vede al primo posto in Europa e ci costa, nonostante la crisi prolungata, più di 60 miliardi annui. Corrisponde al 50% della corruzione dei 27 Paesi europei.
 
Sono molte le opere che vengono fatte solo per rubare.
 
Purtroppo Milano, una volta capitale morale, non è seconda.
Politici e cosiddetti tecnici mentono spudoratamente ai cittadini. Per proteggere prebende e malloppi fanno il gioco delle tre tavolette. Uno dice che ha firmato l’accordo con coloro che protestano ma non può mostrarlo perché si scoprirebbe che a firmare per conto dei cittadini è stato un tizio che vuol far carriera nel partito dell’arbitro. Un altro asserisce di aver fatto i carotaggi quando nessuno ha mai visto scavare (ci vuole un’attrezzatura particolare per scendere in profondità)! Perché quest’operazione abbia un senso e un vero valore probatorio dovrebbe essere controllata da un funzionario super partes e non da un compagno di merende. E’ un fellone chi dice che in Quarenghi – Castellanza e nel Parco delle Cave ha trovato solo terreno pulito e che, pertanto, la bonifica è inutile. A questo ignobile individuo dico che fra due cave contigue c’è di sicuro uno spazio che non è contaminato. Basta cercarlo e il gioco è fatto. Non credo siate così allocchi da credergli.
Il delegato di Pisapia ha promesso la bonifica e bonifica deve essere!
SALA NON E’ IL PADRETERNO SCESO A MILANO A MIRACOL MOSTRARE. La messa in sicurezza costa meno della bonifica ma serve a poco. Se davvero servisse perché – per più di dieci anni – non l’hanno fatta in Castellanza dove ai bambini è vietato l’accesso al prato prospiciente la loro casa?
Si acconciano a farla ora perché il RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO non vuole assolutamente rinunciare la milione di euro che incasserebbe oltre al mezzo che EXPO gli elargisce annualmente?
Se gennaio è piovoso marzo sarà ventoso.
QUALORA DOVESSERO SCAVARE I CITTADINI DI VIA CASTELLANZA SI RITROVEREBBERO GLI INQUINANTI SUI BALCONI E NEI POLMONI.
A MILANO LA CORRUIZONE E’ PIU’ CHE PROVATA. In Comune, in Provincia, in Regione e perfino nella neonata EXPO. Il Responsabile della sicurezza della Eritrea-Stephenson, tecnico di M.M., è indagato per le mazzette pretese – come controllore della sicurezza – delle ditte che partecipavano alle opere preliminari di EXPO. Mi spiace farlo –essendo io laureato al Politecnico – ma devo negativamente elencare tre società di ingegneria:
  1. R.S. Ing che non sta per Ricerca e Sviluppo
  2. A.P. Ing che sta per Arricchimenti Protetti
  3. D.C. Ing. che sta…risorgendo.
A voi scoprire chi sono.
Luigi Caroli
PS: A) le analisi consegnate con grande ritardo da M.M. danno per assodati solo “piccoli” sforamenti nei contenuti degli elementi inquinanti. Naturalmente, cercando i siti col lanternino. Uno ogni 100 metri di via d’acqua. Una campionatura modestissima per entità e irregolare per modalità esecutive( vista l’assenza di controlli). Nella zona compresa tra Castellanza e Quarenghi hanno fatto due soli prelievi in vicinanza della strada dove ovviamente la cava (riempita con porcherie di ogni genere) non arrivava. Peccato che il Comune – come moltissimi sanno – abbia appurato fin dal 2004 in quel sito tassi di inquinamento superiore di 100 volte a quello consentito da una tabella che PADRETERNOSALA pretende di adottare accantonando quella “dovuta”che meglio tutelerebbe la salute dei cittadini!
I NUMERI PARLANO CHIARO E DA TEMPO NON SOSPETTO.
M.M. dice di non aver trovato inquinanti nel Parco delle Cave(dove ce ne sono a iosa). Niente dice di aver trovato – scavando senza la minima precauzione (quando i cittadini non si erano ancora mossi) nella cava Triboniano, notoriamente molto inquinata. Fra il cimitero Maggiore cattolico e quello israelita passa – interrata – la VIA D’ACQUA completamente addossata – con tubi in cemento larghi 2,5 metri e alti 1,6 metri – al muro del cimitero. E’ un miracolo se il muro non è (ancora?)crollato!
B) Ho partecipato ieri sera a un interessante dibattito che si è svolto in zona 7 nella biblioteca di Baggio, recentemente inaugurata da Pisapia. Un competentissimo esperto di ITALIA NOSTRA (che ha presentato un ottimo e non “cementato” progetto alternativo) ci ha fatto vedere come il percorso del nuovo inutile canale (progettato da uno che non si è mai mosso dal suo ufficio) incroci tutti i fontanili del Parco delle Cave rendendoli per sempre inutilizzabili. Avete presenti gli architetti che vorrebbero riaprire i Navigli? Quando li hanno chiusi hanno reso-involontariamente-questa operazione impossibile per sempre. Non lo dico io ma un vecchio e famoso architetto milanese.
Chiudo per non annoiarvi ma le pecche di un’opera costosissima e dannosa non sono certo esaurite.
 
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a QUANDO LE BONIFICHE SONO INDIGESTE – “CAMPIONATURE FANTASMA” di Luigi Caroli CdZ 8

  1. La verità prima o poi verrà a galla... ha detto:

    Ma sopratutto nessuno realizza una cosa: se nelle Cave lunga una tratta lineare (via d’acqua sud) dove hanno fatto le andagini si ha un 25% di superamenti dei limiti per colonna A (declassata a colonna B e quindi “per legge” non da Bonificare) mi viene da pensare: se c’è un 25% di superamenti lì ci sarà alteresì un 25% di superamenti attorno alla via d’acqua, sopratutto dove è presente il terreno di Riporto (si calcoli che metà delle Cave sono riporto perchè erano molto più estese come cave ma negli anni ’70 hanno riempito e chiuso tutto – con cosa hanno riempito viste le atre cave della zona? (Triboniano, MiWest-Bisceglie, etc…)) ma allora nel resto del parco che è e resta VERDE/RESIDENZIALE ci sono superamenti dei limiti di legge? (mi vien da dire SI che ci sono, la statistica non è un’opinione).
    Quindi: per le aree laterali alla via d’acqua lungo i parchi si faranno indagini? si verificheranno le condizioni ambiantali nel rispetto della fruibilità di un parco (Verde Residenziale)?
    Se si chi verificherà? indagini indirette? Soil gas? Analisi di rischio?
    Insomma la priorità a miop parere è indagare e nel caso attivare le misure di sicurezza, l’eventuale Messa in Sicurezza dell’area o la Bonifica (penso di no perchè molto ma molto costosa per i volumi in gioco).
    Un cittadino informato

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...