ASSEMBLEA AL CONSIGLIO DI ZONA – PROGETTO VIE D ACQUA

Nell assemblea che ha fatto registrare numerosi interventi oltre a quello del principale relatore, il Consigliere Enrico Fedrighini, e la partecipazione di numerosi cittadini, è stata ricordata una data storica del Gallaratese che ci riporta al lontano 21-12-1969 quando la volontà popolare riesce a trasformare il progetto della linea 1 MM pre…vista in superficie che, di fatto verrà poi interrata. Ciò è stato possibile grazie alla fattiva partecipazione degli abitanti ai problemi zonali e all impegno dell allora Presidente del CdZ, Rosanna Ferri.
Analogia con il progetto VIE D ACQUA contestato e che grazie al tempestivo intervento di Enrico Fedrighini potrà essere, se nn fermato, sicuramente se ne potrà ridurre l impatto ambientale sui parchi delle zone 7 e 8, Gallaratese, Trenno e Baggio.
Risulta infatti che per il cantiere aperto in via Quarenghi che sorge su un ex cava altamente inquinata, manchi l analisi di rischio previsto dal D.L.242 per la sicurezza degli addetti al cantiere. Cosa ancor più grave è che gli organi preposti nn sono mai stati attivati per il rilascio del VIA, pertanto ASL – INAIL – DIREZ. PROV.DEL LAVORO –  sono direttamente coinvolti nella grave irregolarità ai limiti dell illegalità. Nn pervenendo questa AUTORIZZAZIONE il cantiere sarà fermato.
Situazione analoga al Parco delle Cave che sorge su un area ancor più inquinata, elemento questo allarmante se si pensa che il CdZ ha dato il consenso alla realizzazione dell opera dimostrando grande irresponsabilità.

PROSSIMI PRESIDI DEI CITTADINI DOMANI SABATO 23 NOV. AL PARCO DI TRENNO ORE 15 E A BAGGIO STESSA ORA.

Questa voce è stata pubblicata in Peogetti Expo 2015 e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a ASSEMBLEA AL CONSIGLIO DI ZONA – PROGETTO VIE D ACQUA

  1. enzo ha detto:

    Andreotti diceva: “a pensar male si fa peccato ma si indovina spesso” ed io mi chiedo: come è possibile fare un intervento tanto importante su un’area fortemente inquinata senza aer fatto le dovute ricerche ed ottenuto le previste autorizzazioni? Forse, e qua esprimo “il mio pensar male”, è stato previsto il canale a cielo aperto proprio perchè sotto terra è inquinato?

    Mi piace

  2. edyrulli ha detto:

    Edy Rulli Nn rispondo da tecnico, ma da semplice cittadino: nei lavori “movimento terra” si scava e si muove del terreno che se inquinato, rilascia delle tossicità a carico di chi lavora e ciò si verifica sia se si scava per un canale a cielo aperto che per uno interrato. A prova ne è il cantiere S.Giulia bloccato dalla Magistratura perché gli addetti durante i lavori venivano colpiti da malore per l alto tasso di inquinamento emanato dal terreno smosso.

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...