BUIO OLTRE LA SIEPE di Edy Rulli

1-22-2150 anni fa fu detto: L Italia è fatta, facciamo è gli italiani.

50 anni fa   fu detto: L Europa è fatta, facciamo gli europei.

Magari fosse facile allinearsi con gli altri Paesi!

In Italia 23 milioni lavorano su un totale di 60 mil. di abitanti = 38% a carico dei restanti 62%. SUD a rischio desertificazione, consumi bloccati da 5 anni, 28% disoccupazione, evasione scolastica 100.000 unità alla anno.

GERMANIA: 40 mil. su 60 lavorano = 50%

SVIZZERA : disoccupazione al 3%

In questi paesi i salari sono mediamente il doppio dei nostri e gli affitti nn superano il 30% del reddito.

SPAGNA : con il suo record di disoccupati (1 persona su 4) dopo 2 anni esce dalla recessione e il Governo Rajoy annuncia un timido + o,1% di crescita, cioè sta meglio di noi.

Dall IRLANDA che stava collassando negli anni ’80, dovremmo imparare come diventare la 2° tigre d Europa. Ma come se:

– Il nostro Governo perde mesi in sterili discussioni su come cambiare il nome d un imposta e se i nostri figli continuano a laurearsi di Scienza della Comunicazione se le aziende che reclutano personale si stanno estinguendo.

– Chiedere un contributo di solidarietà per pensioni d oro superiori a 100.000 euri netto mensili è anticostituzionale e richiede “accurati studi” e  blocca tout court l adeguamento di pensioni di 3.000 netti mensili.

– Problema riduzione spesa pubblica senza soluzione dal momento che la nostra classe politica ne è la principale beneficiaria.A meno che nn si voglia aspettare il declino totale della produzione e dei consumi con conseguente, ulteriore riduzione delle entrate fiscali per lo Stato e allora il rubinetto si chiuderà anche per loro!

–  A MIlano da oltre 6 anni i dipendenti ATM scioperano per il rinnovo contratto di lavoro e se l AMSA lava le strade più volte alla settimana, e anche quando sta piovendo, con acqua potabile prodotta a caro prezzo,  poi va a recuperare l acqua sporca dell EXPO realizzando un canale in cemento che deturpa l città spendendo, per ora, 80 milioni di euro.

–  La Svizzera fa registrare un aumento del PIL del 2,5% negli ultimi 3 mesi e, come già detto, con una disoccupazione assestata al 3%. Ma il nr. 3 ce l abbiamo anche noi, sono i punti di aumento del DP che lo porta al 133,7%. Tre punti per volta, tanto per nn farci mancare niente! Dopo di noi la GRECIA con il 169,1% di rapporto DP/PIL.

–  Ticket sanitario ridotto o esente in base al reddito familiare nn valido per le pensioni. Abbiamo anziani con pensioni alte che nn avendo altro da fare passano tutto il giorno tra un ambulatorio e l altro o visite mediche più o meno necessarie, senza limiti. Se nn fosse per il tempo trascorso, il Malato Immaginario di Molière potrebbe essere stato ispirato proprio da loro.

A fronte di tanti SE irrisolti, l italiano sa anche distinguersi nel mondo: Abbiamo esportato 380.000 laureati in 10 anni e importati 55.000, ma la Legge “Controesodo” del 2010 che prevede benefici fiscali per chi torna ce ne ha riportati indietro ca. 4.000. Alcuni dei nostri Licei fanno invidia a quelli del Nord Europa e delle migliori High School inglesi e americane, medici in ospedali, managers nell economia e nell editoria.

Un discorsetto a parte va fatto per le performances di italiani che si cimentano nel campo linguistico. La metà dei nuovi (lecturers) del Trinity College sono italiani. Italiano è il docente di letteratura inglese, come pure i professori d inglese d Eton e Oxford. Che ci azzecca, direbbe qlc, ma l italiano PUO’ .Dimentichiamo per un momento che fino a qualche decennio fa da noi con il diploma di Ragioniere si poteva accedere a concorsi per insegnare l inglese nelle scuole superiori, è come insegnale balli caraibici da una sedia a rotelle. Possiamo anche dimenticare, ma quando si legge che l Italiano all ultimo posto per la diffusione/conoscenza dell inglese, lingua chiave della globalizzazione, beh, allora ci sorge un dubbio. Ma nn importa, il nostro motto è : YES, WE CAN! (nostro per modo di dire).

EDY RULLLI

Questa voce è stata pubblicata in crisi economica cause e rimedi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...