LA FORZA DEI PARTITI libro di S.Romano e V.Parsi – commento Edy Rulli

LA FORZA DEI PARTITI
di Sergio Romano e Vittorio Parsi.

“…I partiti erano e sono tuttora considerati all origine di tutti i mali. Eppure nn c è scampo: senza partiti nn c è democrazia e nn solo rimangono strumenti ineludibili per l organizzazione del consenso e la scelta dei rappresentanti, ma sono oggi più forti di un tempo…”

I Partiti = parte/pars, senza i quali la democrazia nn esiste, sono quegli organsmi nati per spostare le risorse da un ceto all altro, per trasferire e ripartire la ricchezza nella Società.
Agli albori del ‘900 nascono i partiti e oggi il percorso che devono fare per riabilitarsi agli occhi degli elettori è a dir poco tortuoso, dopo essere entrati in un circolo, una spirale viziosa da loro stessi innescata, vittime della loro stessa ingordigia.
I partiti in crisi?
Di pari passo alla crescita economica del paese aumentano le risorse dei partiti mai tanto quanto oggi, strutture faraoniche per ospitarli, aumentano i costi del personale e delle consulenze, nessuna trasparenza nei rimborsi ecc. Nonostante la gestione di enormi quantità di denaro, siamo nella peggiore crisi democratica dal ’29. Metà  finanziamento pubblico finisce in tasca ai corruttori  e aumentano le disuguaglianze. I partiti, nati come ponte, cinghia di trasmissione tra società, politica e Stato, si rivelano essi stessi Stato e una volta individuato la panacea di molti mali quali, riforma elettorale, riduzione nr. dei parlamentari e loro emolumenti, finanziamento ai partiti, la boicottano spudoratamente.
Di fatto abusano della propria legittimità nel regolare la cosa pubblica creando divisione nella comunità. Si potrebbe dire che, come succede tra gli umani, lo strapotere ha dato loro alla testa, ma nn è così. A monte il crollo delle ideologie predominanti nel mondo, quella comunista, liberale e per ultima la socialdemocratica con il suo carico insostenibile di spesa pubblica. I Partiti quindi nn gravitano più attorno ad una ideologia, ma al personaggio del momento che nn ne rappresenta le linee guida che quindi opera senza un programma. Lo stesso Bersani ha dichiarato: Andiamo al Governo poi vediamo cosa si può fare. Nessun programma, ma un agenda che mira alla soluzione del problema del momento. Sarà perchè i tempi corrono più in fretta che in passato?
Eppure i programmi sono necessari perchè sono loro che dicono chi paga il conto e nn le agende costituzionali. A propria discolpa i partiti dichiarano che la mancanza di programmi è legata alla loro mancanza di sovranità su scala nazionale. A peggiorare la situazione ci si mette Bruxelles che  promulga il 75% della totalità delle leggi mentre la europeizzazione dei partiti a livello sovrannazionale è ancora molto lontana.
l libro lascia stabilire al lettore se questa patologia del sistema è prettamente italiana visto che in Germania i Partiti sono autofinanziati al 50% e in Inghilterra dove è totalmente a carico di donatori, i controlli sono così rigidi e severi che toglierebbero il sonno a tutti i ns. politici!

Questa voce è stata pubblicata in Costume, Politica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...