L’ENCICLICA DEI GESTI di Papa Francesco – Edy Rulli

Per camminare come fratelli

“Abbiamo conquistato il cielo come uccelli e il mare come pesci, ma dobbiamo imparare di nuovo il semplice gesto di camminare sulla terra come fratelli”
A coronamento di questo quadro idilliaco di Martin Luther King, dopo qualche decennio nascono i socialnetworks che  danno la possibilità di connetterci e comunicare con qls altra… persona nel mondo, in tempo reale. Tutto è interconnesso. Nn esistiamo più come individui separati, ma siamo tutti inestricabilmente connessi, tuttavia così inspiegabilmente divisi!

E come una tegola in testa ci giunge il messaggio del Summit Mondiale dei Premi Nobel per la Pace che impegna full time l uomo del dialogo Shimon Peres: “Nn siamo mai stati così vicini all autodistruzione!”
A poco tempo dalla sua elezione, Papa Francesco ritiene opportuno elaborare una Enciclica dei Gesti che che racchiude questo pensiero: Nn è l inchiostro dei discorsi che prima o poi sbiadisce, è l ichiostro dei gesti che agisce sui nostri simili. Il che fà pensare che anche l istituzione Chiesa qualche problemino di comunicazione ce l ha.

Spiega infatti il teologo Edoardo Scognamiglio:”…le persone sono coinvolte nel costruire relazioni e trovare amicizie, nel cercare risposte alle loro domande, nel divertirsi; è altrettanto vero che la comunicazione diventa autentica nella misura in cui è sempre più interpersonale. Ciò è possibile se i networks permettono alle persone di incontrarsi. I social media hanno quindi bisogno del dibattito ragionato, dell argomentazione logica, è necessario che le persone si incontrino guardandosi negli occhi, ascoltino la voce dell altro, imparando ad ascoltare.”
Questa è vera comunicazione!

Come, Internet doveva dare voce alle masse anonime di tutto il Pianeta, ridimensionare una Società in cui demagogia e ingiustizia fanno da padrona, soddisfare le aspirazioni radicate da secoli nel cuore del uomo e invece siamo punto e daccapo con  problemi di comunicazione. Lei, seimpre lei, l orgine di tutti i mali!

Rileggendo le parole dell amica BASIRA, vedo affievolirsi la mia personale speranza che Internet possa in qualche modo cambiare la faccia dell umanità: “Fb nn influisce per nulla la mia esistenza. Se fossi organizzata e se avessi un attività correlata, lo userei come puro strumento al mio servizio, come il cellulare, la TV, l e-mail. Nn come un sostitutivo affettivo.”

Internet, mezzo di indubbia  e irrinunciabile utilità pratica, si colloca così sul piano di semplice strumento; al suo attivo, a fini umanitari, si registrerebbero il fatto di aver pilotato a migliaia di chilometri di distanza, la Primavera Araba, la nascita di M5S, e nn è poco.

Io veramente mi aspettavo qlc in più in termini di umanizzazione dei rapporti umani.
Che la rivoluzione via WEB tardi a dare i suoi frutti, e nn diamo sempre colpa alla crisi economica, think about!

EDY RULLI

Questa voce è stata pubblicata in chiesa e comunicazione, Papa Francesco, tabu della Chiesa e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...